Categories
Linguistica

L’estinzione linguistica La perdita di un’esperienza culturale irreparabile

Si calcola che ogni anno muoiano venticinque lingue e di questo passo un po’ meno della metà delle lingue del mondo, circa seimila, entro questo secolo sarà sparita.

L’entità del fenomeno è allarmante ed è da tempo che se ne parla anche nelle sedi ufficiali. Uno dei primi libri sull’argomento fu quello di David Crystal, Language Death (Oxford University Press, 2000), più volte ristampato.

Ma da allora le pubblicazioni in merito si sono moltiplicate ed oggi i linguisti si interrogano sulle conseguenze di questa catastrofe culturale che non ha precedenti nella storia dell’umanità.

Dopo il bel libro di K. David Harrison, When Languages Die (Oxford America, 2008), che porta un sottotitolo eloquente “The Extinction of the World’s Languages and the Erosion of Human Knowledge” ecco quello, non meno importante, di Claude Hagège, On the Death and Life of Languages (Yale University Press, 2009).

Né si può passare sotto silenzio Investigating Language Death di Peter Karanja, (Lap Lambert Academic, Colonia, 2009) , dedicato ad alcune lingue africane in estinzione.

La lingua è essenziale per la conservazione di una cultura in tutti i suoi aspetti, specie in quelli che non hanno una manifestazione “materiale”.

Quando muore una lingua va perduto un patrimonio di conoscenze inestimabile. “Nomina si pereunt, perit et cognitio rerum”, scriveva il naturalista danese del Settecento, J.C.Fabricius.

Le centinaia di lingue che stanno scomparendo e quelle che sono già scomparse differiscono profondamente fra loro ed ognuna ci consegna una visione diversa del mondo.

Le lingue indoeuropee, come è noto, classificano le parole in base ai generi (maschile, femminile e neutro), che vengono estesi , piuttosto convenzionalmente, agli oggetti del mondo fisico: ad esempio il sole è maschile in italiano e femminile in tedesco.

Ma la maggior parte delle lingue si regola in modo diverso e più consono all’esperienza reale.

La distinzione più comune è quella tra i nomi animati e inanimati, ed animati non sono considerati solo gli esseri viventi, ma anche certi fenomeni naturali come ad esempio il vento, il fuoco, ecc.

Più filosoficamente il tamil (India meridionale) si basa, sulle capacità intellettuali, e distingue nomi “razionali”, che designano ad esempio uomini e dèi, e “non razionali”.

Il quadro di riferimento può cambiare radicalmente ed il numero delle classi aumentare più o meno considerevolmente.

In asmat, uno dei molti idiomi della Nuova Guinea, i nomi vengono distribuiti in cinque classi, definite in base alla posizione dei loro referenti :

  • la prima classe comprende esseri od oggetti eretti (alberi, persone),
  • la seconda fissi (casa, donne),
  • la terza giacenti ,
  • la quarta galleggianti,
  • la quinta volanti.

Qui la pietra di paragone è il mondo naturale ed i fatti dell’esperienza vengono organizzati e interpretarti in relazione ad esso.

Nelle lingue bantu le classi arrivano fino a 24 e rappresentano una sorta di “scienza” implicita nell’espressione linguistica, in base alla quale:

  • gli esseri umani vengono distinti da quelli non umani,
  • i liquidi dai solidi,
  • i manufatti dalle piante, ecc .

Ciò non significa che l’appartenenza ad una determinata classe sia sempre logica e prevedibile.

Il sistema bantu disegna dei comparti, per così dire, “ecologici”, in cui, ad esempio, animali erbivori come la capra stanno insieme con la flora.

Lo stesso accade in Lardil, (una lingua australiana quasi estinta ), dove le specie non vengono distinte come organismi, ma in relazione all’habitat : non si parla di piante o animali, ma di “creature di terra, mare e aria”.

Caratterizzando la grammatica Edward Sapir scriveva:”le lingue differiscono non per quello che possono esprimere, ma per quello che devono”.

Se si chiede ad un parlante del Central Pomo (California settentrionale) come si dice “è piovuto”, risponderà letteralmente “pioggia è caduta”.

Ma questa frase non verrà mai usata in una normale conversazione, in cui si dovrà precisare la fonte dell’informazione.

Perché l’espressione sia accettabile bisogna scegliere tra cinque suffissi che, aggiunte alla forma verbale, indicano se si tratta:

  • di esperienza personale o di sentito dire,
  • se si è visto piovere oppure
  • si sono sentite le gocce sul tetto,
  • se si è trattato di una semplice deduzione (c’era del bagnato) o meno.

Questa casistica ( grammaticale) non è casuale, ma corrisponde a quegli aspetti dell’esperienza che i parlanti hanno espresso ripetutamente, considerandoli più rilevanti di altri.

In alcune lingue salish (America settentrionale) gli aggettivi/pronomi di quantità cambiano a seconda se si riferiscono ad oggetti, ad animali o a persone. Una domanda come “quanti sono?” deve essere formulata in tre modi diversi.

Aspetti del mondo circostante che passano inosservati in alcune lingue diventano centrali in altre.

Quanta di questa informazione si perde con la morte di un idioma?

Ogni lingua è il distillato di un’esperienza collettiva irripetibile, emergente attraverso i secoli o i millenni. ‘E ciò che ne fa un unicum e ne rende irreparabile l’estinzione.

Categories
Actualités

Quo Vadis, Ecclesia?

Dans les années soixante du siècle dernier, Julius Evola – le plus grand représentant du dadaïsme italien et philosophe controversé mais visionnaire – a écrit un article important intitulé Quo vadis, Ecclesia ? dans lequel il a prédit les résultats défavorables du progressisme croissant du catholicisme.

Evola assimila la nouvelle direction inaugurée par le Concile Vatican II à la trahison des clercs stigmatisée par Julien Benda, à savoir la trahison des intellectuels (en l’occurrence une partie du clergé jusqu’à ses plus hautes hiérarchies) :

  • qui abandonnent la défense des valeurs spirituelles traditionnelles, et
  • qui mettent leur pensée et leur propre autorité au service des processus et des forces qui s’affirment dans le monde moderne, des forces qui correspondent à des idéologies subversives, auxquelles l’Église risque de fournir une justification.

Le danger redouté par Evola semble avoir atteint aujourd’hui son apogée avec le pontificat actuel.

En fait, les signes de ce processus involutif, plein d’implications pernicieuses, sont nombreux et sans équivoque, partant de l’attitude résumée dans la question posée par le Pape : « Qui suis-je pour juger? ».

Le relativisme qui inspire cette question est masqué, avec une subtilité jésuite, par le terme « discernement », une attitude que François nous invite à cultiver et à pratiquer.

La faculté de discernement, appréciable en soi et même nécessaire, n’est cependant pas évoquée pour distinguer clairement ce qui est bon de ce qui ne l’est pas, mais au contraire pour saisir les nuances et éviter les jugements absolus.

Une telle approche, qui pourrait avoir une valeur philosophique propre, semble totalement incongrue si elle est professée par un organisme qui qui prétend être garant de la Vérité et qui doit se conformer à l’enseignement du Christ : « Que votre parole soit oui, oui, non, non; ce qu’on y ajoute vient du malin. (Mathieu. V 5:37).

Évidemment, l’Église ne peut pas se replier sur elle-même et se refermer dans le passé, mais elle doit se renouveler dans le respect de la tradition.

Aujourd’hui, cependant, elle semble fascinée par la grande tentation du changement en tant que fin en soi, poursuivie au prix d’une rupture de la ligne de continuité de sa propre doctrine.
Mais il s’agit d’un changement fictif, car en réalité, ce n’est rien de plus que la répétition de thèmes que l’on peut retracer à la théologie de la libération et au péronisme de gauche : des idéologies usées et ratées qui sont maintenant revitalisées sans raison, suscitant les applaudissements de la gauche et même des athées marxistes, qui reconnaissent maintenant le Pape comme leur leader faisant autorité.

Pendant ce temps, les églises sont vides (également parce que les églises modernes sont des cauchemars architecturaux) et l’Occident devient de plus en plus séculier.

Les temps dangereux et désordonnés que nous vivons nécessiteraient l’intransigeance dans la défense des valeurs non négociables et le courage de s’opposer à la pensée conformiste et triviale propulsée par les grands faiseurs d’opinion.

L’Église, en revanche, suit les tendances de désintégration de notre civilisation et se réduit à la fonction de caisse de résonance du « politiquement correct ».

Il est navrant de constater que Nietzsche avait raison lorsqu’il déclarait : « Il y a un point de faiblesse et d’épuisement morbides dans l’histoire d’une société dans lequel celle-ci prend le parti de ceux qui lui portent préjudice » – nous tenons de plus à ajouter – que le Bon Pasteur est celui qui chasse le loup, certainement pas celui qui le fait entrer dans l’enclos des moutons.

Cette tendance à s’automutiler est le résultat d’un ressentiment insensé pour nos racines, un sentiment de culpabilité qui est instillé quotidiennement par les partisans de la « culture de la pleurnicherie » et qui nous conduit à un besoin d’expiation par l’annihilation de nous-mêmes.

L’Église s’entoure de belles paroles telles que « paix » et « dialogue », des concepts que personne ne pourrait remettre en question, le problème étant de savoir comment ils sont utilisés.

Si, par le biais de l’amour de la paix et du dialogue, un pacifisme à connotation idéologique et une ouverture à sens unique vers des cultures qui nous sont hostiles sont introduits clandestinement, alors on se moque de nous.

Et surtout, les attitudes et les initiatives de cette papauté source de préoccupation des catholiques suscitent la perplexité :

  • l’admiration souvent exprimée pour des personnalités telles que Scalfari et Bonino, héros de la laïcité anticléricale ;
  • la tiédeur manifestée à l’égard des partisans de la « Journée de la famille » ;
  • le fort engagement en faveur du dialogue interreligieux avec un accent particulier sur la réhabilitation de l’hérésie luthérienne ;
  • le manque d’intérêt pour les représentants de l’Église catholique chinoise non-gouvernementale ;
  • l’appel obstiné et irresponsable à un accueil aveugle qui minimise les implications déstabilisatrices du phénomène migratoire.

Ce faisant, l’Église montre qu’elle ne tient pas compte de la leçon de l’histoire.

Evola a également remarqué que « celui qui s’est éludé de pouvoir diriger les forces de subversion en suivant d’une manière ou d’une autre leur cours a toujours fini par être submergé par elles ».

Categories
Evénements

Prix « Entre ciel et mer » à Trapani sur le navire Palinuro de la marine Italienne

Cet article concerne un événement se déroulant en Italie. Veuillez visiter la version italienne de cette rubrique pour plus de détails.

Categories
Eventi

Il premio “Tra il Cielo e il Mare” a Trapani sulla nave Palinuro della Marina Militare Italiana

Domenica 1 luglio 2018 presso la Stazione Marittima di Trapani ha riscosso grande successo la mostra evento del Premio di Pittura “Tra Cielo e Mare  –estemporanea di pittura” con una selezione di opere degli studenti dell’Accademia di Belle ArtiKandinskij” di Trapani e del Liceo ArtisticoMichelangelo Buonarroti” di Trapani che sono state realizzate a bordo della nave “Palinuro” della Marina Militare Italiana lo scorso 29 giugno.

L’Accademia di Belle ArtiKandinskij” di Trapani, presieduta da Silvia Guaiana, che si avvale del prezioso apporto di Marco Eugenio Di Giandomenico, manager di fama internazionale, economista e critico della sostenibilità delle arti e della cultura, ha organizzato e coordinato entrambe le iniziative, del 29 giugno e 1 luglio, con il Prof. Arch. Girolamo Peraino, il Prof. Vito Lombardo, la Prof.ssa Loredana Meo e la Prof.ssa Caterina Messina (docenti Accademia di Belle Arti “Kandinskij” di Trapani) con la collaborazione della Marina Militare Italiana e di tutto il personale della nave “Palinuro” intende rivolgere un ringraziamento particolare a Walter Roccaro (Direttore del Conservatorio di Trapani) figura ispiratrice e di riferimento per le attività concertistiche e culturali del territorio trapanese e non solo per il forte impegno organizzativo profuso, ai membri della giuria del Premio, il Capitano di Vascello Maltese (Comandante della Capitaneria di Porto di Trapani), il Capitano di Fregata Valentini (Comandante nave “Palinuro”), il Capitano di Corvetta Guascone (Medico di bordo nave “Palinuro”), la dott.ssa Caterina Maltese, Nadia Almonte, Silvia Guaiana e Girolamo Peraino per il fondamentale contributo al successo delle iniziative e il meticoloso lavoro di selezione svolto.

La valorizzazione e promozione dei talenti artistici e la sostenibilità culturale dell’arte sono stati i veri focus delle iniziative che hanno visto la collaborazione tra studenti universitari e liceali, con il supporto di tutti i docenti, nella convinzione che la divulgazione e lo sviluppo delle estetiche dell’arte sia parallelo alla valorizzazione del territorio trapanese, siciliano e quindi nazionale. L’arte, e in particolare quella profusa da tutti i partecipanti, è il driver fondamentale dello sviluppo del territorio in quanto è la sola disciplina in grado di stabilire “ponti culturali” tra gli attori economici e culturali del territorio.

Ha impreziosito la serata, in apertura, il concerto del Sax Solum Ensamble del Conservatorio di di Trapani, diretto dal Maestro Antonino Peri, con la partecipazione del soprano Clara Pizzo i quali hanno magistralmente eseguito un programma musicale creato per l’occasione con brani di Jenkins, Mozart, Piazzolla, Yoshimatsu, Rossini, Shostakovich e Ravel, ricevendo una standing ovation finale da parte del pubblico presente. L’organizzazione rivolge a tutti loro un ringraziamento particolare per il prestigioso contributo e la professionalità dimostrata.

Un plauso particolare ai vincitori: per l’Accademia di Belle Arti “Kandinskij”, il gruppo composto da Davide Catania, Fabiana Di Lallo, Vito Palazzolo, Rosa Ruggirello e Valeria Vulpetti per l’opera “In Blu”, primo premio assegnato all’unanimità e vincitori, Rosy Granmatico per la menzione e Aurora Noto con l’opera “Marina al Tramonto” per la speciale menzioneSentimento del Mare”. Per il Liceo Artistico “Michelangelo Buonarroti”, Giorgia Triolo, prima classificata e vincitrice, Giovanna Amico, menzione, e Alessio Agosta per la speciale menzioneSentimento del Mare”.

L’opera del gruppo vincitore dell’Accademia di Belle Arti “Kandinskij”, “In Blu”, rappresenta la tematica “tra cielo e mare” ed è nata dalla pluralità di idee del gruppo di giovani autori. Valicando la bidimensionalità del supporto di stampa, una serie progressiva di delicati piani cromatici restituisce la profondità dell’orizzonte per interrompersi nel netto passaggio al blu della silhouette della nave Palinuro, posta in primo piano della composizione. A fondamenta dell’opera il profondo mare, tra abisso infinito e silenzio primigenio, raccoglie il gesto corale pittorico degli studenti dell’Accademia “Kandinskij”. La parte ad acquerello, in basso, è stata realizzata, infatti, attraverso le pennellate di tutti gli studenti e di quelle del Prof. Girolamo Peraino, coordinatore dell’opera. Attraverso il gioco di contrapposizioni compositive diagonali e longitudinali, di chiara ispirazione policletiana per la “regola del chiasmo”, il ricciolo capriccioso dell’onda lunga in poppa della nave Palinuro fa da contrappunto alla quiete del porto di Trapani, dominato dal millenario edificio della Colombaia, di colore bianco, tanto caro alla tradizione urbanistica mediterranea. “In Blu” vuole essere un pacifico traguardo dove coniugare le discipline del “disegno virtuale” e quelle delle classiche arti pittoriche. Arti poste in quello scambio dialettico in cui la diversità non può che generare arricchimento, carattere e originalità.

Categories
Evénements

Créativité et durabilité dans le système d’art contemporain

Cet article concerne un événement se déroulant en Italie. Veuillez visiter la version italienne de cette rubrique pour plus de détails.

Categories
Eventi

Creatività & Sostenibilità nel sistema dell’arte contemporanea

COMUNICATO STAMPA

Venerdì 8 giugno 2018, a partire dalle ore 10:00, presso la Fondazione “Adolfo Pini”, Corso Garibaldi n. 2 a Milano, si svolge il convegno dal titolo “Creatività & Sostenibilità nel Sistema dell’Arte Contemporanea” organizzato da Ethicando Association, Ard&nt Institute (Accademia di Belle Arti di Brera e Politecnico di Milano), Accademia di Belle Arti KANDINSKIJ, The Global Review, in collaborazione con Fondazione “Adolfo Pini”.

L’evento fa parte della manifestazione dal titolo “Creatività & Sostenibilità sino all’Arte Contemporanea” che ha visto a Trapani, presso l’Accademia di Belle Arti Kandinskij, altri due appuntamenti il 31 maggio e il 1° giugno 2018, nonché della piattaforma comunicativa Betting On Italy (BOI), diretta da Marco Eugenio Di Giandomenico, la quale promuove iniziative di ricerca, formazione e mediatiche su temi di valorizzazione e promozione del made in Italy nel mondo, nonché di sostenibilità dell’arte e della cultura nell’epoca delle nuove tecnologie.

La manifestazione affronta una delle tematiche più attuali nel dibattito artistico contemporaneo, che è quella della sostenibilità dell’arte e della cultura, così sintetizzata da Marco Eugenio Di Giandomenico, economista e critico della sostenibilità dell’arte e della cultura, direttore vicario dell’Accademia di Belle Arti “Kandinskij”, chairman della manifestazione: « … nel secolo scorso l’umanità ha preso coscienza della necessaria sostenibilità dell’operare di qualsivoglia essere umano, tanto nella sua dimensione per così dire privata, tanto nei rapporti con gli altri e con il pianeta nella sua dimensione lavorativa, contribuendo a uno sviluppo economico globale equilibrato che salvaguardi la qualità della vita delle generazioni future. La locuzione “comportamento sostenibile”, declinata agli inizi degli anni ottanta del novecento con riferimento alle problematiche di utilizzo responsabile delle risorse naturali e quindi in relazione ad aspetti eco-ambientali, oggi connota anche le nuove modalità espressive della creatività in campo artistico conseguenti allo sviluppo incessante delle nuove tecnologie, le quali hanno snaturato le tassonomie classiche dell’arte, che trova sempre più negli applicativi informatici/telematici il mezzo naturale per venire ad esistenza, quasi per rivelarsi. Si tratta di una piattaforma concettuale in continua evoluzione, su cui si gioca il futuro dell’arte contemporanea ».

Alle ore 10:45, dopo la relazione introduttiva di Marco Eugenio Di Giandomenico, avvengono i saluti istituzionali di Samuele Cammilleri (Presidente Fondazione Adolfo Pini) e di Filippo Barberis (Consigliere Comune di Milano). A seguire le relazioni di Mauro Afro Borella, Sergio Calatroni, Giuseppe Di Napoli, Donatella Friso, Luca Misiano, Antonello Pelliccia, Giovanni Pelloso, Roberto Presicci, Roberto Rosso, Donato Santarcangelo. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 14:45, dopo l’intervento di Roberto Favaro (Presidente ARD&NT Institute di Milano, costituito dall’Accademia di Belle Arti di Brera e dal Politecnico di Milano; Vicedirettore Accademia di Belle Arti di Brera di Milano), Marco Eugenio Di Giandomenico (Vice Direttore The Global Review) presenta la Piattaforma Editoriale The Global Review. Seguono la lecture dal titolo “Riflettere Altrimenti” di Mario Giaccio (presidente Comitato Scientifico The Global Review, già preside della Facoltà di Economia Università degli Studi “G. D’Annunzio” Chieti-Pescara), nonché la Lectio Magistralis dal titolo “Aspetti di Sostenibilità nella Gestione delle Istituzioni di Promozione e Valorizzazione Artistica” di Vincenzo Centorame (giornalista direttore responsabile The Global Review, già presidente della Fondazione Michetti). E’ previsto anche un momento di discussion con la partecipazione dello scrittore e critico cinematografico Pino Farinotti.

**********************************

Per informazioni:
Associazione ETHICANDO (www.ethicando.it)
Email: info@ethicando.it
Mob.: +39 339 6358507

Categories
Evénements

Créativité et durabilité jusque dans l’art moderne

Cet article concerne un événement se déroulant en Italie. Veuillez visiter la version italienne de cette rubrique pour plus de détails.

Categories
Eventi

Creatività & Sostenibilità sino all’Arte Moderna

E’ stato organizzato dall’Accademia Kandisky di Trapani un interessante Convegno sulla “Sostenibilità & Creatività sino all’Arte Moderna”, in sessione il 31 maggio ed il 1 giugno del corrente anno.

Partecipa un folto gruppo di relatori di chiara fama che offrirà il proprio contributo per chiarire uno degli aspetti più salienti dell’Arte Moderna, appunto quello della sostenibilità.

Il Prof. Marco Eugenio di Giandomenico tra gli organizzatori della manifestazione, Vice Direttore della nostra Rivista ed instancabile curatore di eventi culturali dal respiro internazionale ed a forte valenza di diffusione della sensibilità artistica e della cultura in genere.

Il Prof M.E. Di Giandomenico è uno stimato docente, noto a livello internazionale per le proprie attitudini scientifiche e per gli studi e le ricerche condotte nel campo della Economia sostenibile, con particolare riferimento al settore dell’arte e della cultura in genere.

Sul sito della nostra Rivista è disponibile un dettagliato curriculum professionale del Prof. Di Giandomenico.

http://www.marcoeugeniodigiandomenico.com

 

Categories
Evénements

Conférence de Tarquinia “À l’intérieur et à l’extérieur du témoin: la croissance d’une nouvelle conscience”

Cet article concerne un événement se déroulant en Italie. Veuillez visiter la version italienne de cette rubrique pour plus de détails.

Categories
Eventi

Convegno di Tarquinia “Dentro e fuori il testimone: la crescita di una nuova consapevolezza”.

Comunicato Stampa

In un’epoca come la nostra in cui l’uomo ha perso la memoria della propria origine cresce impellente in non pochi individui un interrogativo, che per propria natura assume il connotato di “eterno”:

  • chi siamo?
  • E dove stiamo andando?

Le Teorie evoluzioniste di matrice darwiniana non hanno colto l’essenza del fenomeno  “vita in evoluzione”, riducendosi in alcuni casi a vere forme di aberrazione quali quella del “darwinismo sociale”, secondo il quale l’uomo necessita di prevalere (anche con crudele ferocia) sui propri simili, poiché è imperante la “legge del più forte”.

Ma se tale impostazione può avere una qualche veridicità nei Regni di natura inferiori (Vegetale ed Animale), non è in alcun modo riferibile alla  realtà umana, la quale si erge a “dominatrice benefica” del Pianeta in virtù di proprie ed uniche prerogative naturali: l’Intelligenza e l’Amore.

Dunque, l’uomo ha l’obiettivo di sviluppare in sé la “mente astratta”, quella dei poeti, dei mistici e santi, dei filosofi e dei geni di ogni tempo; tale qualità (il pensiero astratto) gli consente di trascendere il contingente (il mondo dell’illusione- Maya) per connettersi al Piano delle Idee e del Possibile, riscoprendo la propria origine, il proprio ruolo ed il suo rapporto con il Cosmo.

Il Convegno “Dentro e fuori il testimone: la crescita di una nuova consapevolezza”, apre negli individui  alla ricerca della propria “vera natura” un nuovo campo di riflessione e di esplorazione mentale sulla propria esistenza, poiché il problema dell’umanità contemporanea è esattamente quello di ritrovare una “consapevolezza” oggi completamente perduta.

Di estremo interesse è l’attenzione posta dall’organizzatore del Convegno sul tema circa l’esistenza di altre “umanità” nel nostro sistema solare, nozione ben conosciuta dalla “saggezza antica” ma totalmente perduta nella buia caverna nella quale oggi è confinata la coscienza umana.

L’iniziativa dell’Avv Alessio Colotti  raccoglie il nostro pieno consenso, così come il nostro plauso e sostegno alle attività di ricerca e studio condotte dai relatori presenti alla manifestazione.

XX Convegno di Ufologia “Città di Tarquinia”,

domenica 20 maggio 2018, sala conferenze dell’Università Agraria di Tarquinia (ex Palazzo Vipereschi),
via G. Garibaldi, n.c. 17, 01016 Tarquinia (VT)

Ingresso libero e gratuito.
“Dentro e fuori il testimone: la crescita di una nuova consapevolezza nell’era del contatto”

Col patrocinio dell’Università Agraria di Tarquinia.
In collaborazione con la S.U.E.T. (Sezione Ufologica Esoterica Tarquiniense) ed il programma “Incontri ravvicinati con Alessio”.

Programma dei lavori
Moderatore: Avv. Alessio Colotti, Organizzatore unico del Convegno

Ore 10,00 Apertura dei lavori. Introduzione al Convegno.
Introduce la prima sessione il dott. Mario Michele Pascale
Prolusione dell’Organizzatore unico del Convegno, Alessio Colotti, dal titolo: “Gli sconvolgimenti climatici e demografici e l’evoluzione della Terra: dalle scie chimiche ed i vaccini iniettabili  alla manipolazione psichica e genetica”.
Relatore: Alessio Colotti, organizzatore unico del Convegno di Ufologia “Città di Tarquinia”;

ore 10,10 Indirizzo di saluto di Daniele Picariello, membro del C.U.N. Tarquinia, corrispondente da Avellino;

ore 10,15 Premio letterario “Tuchulcha: sunto e bilancio della 1a edizione (2017) ed introduzione alla premiazione della  2a  edizione (2018): informazioni e ragguagli sulla neonata collana “Tuchulca”, edita dalla casa editrice “Factory”. Votazione e divulgazione della rosa delle opere scelte, dalla giuria di qualità, per passare alla selezione finale, con contestuale motivazione;

ore 10,20 Relazione della comunità ufologica tarquiniese: un sunto dei risultati delle osservazioni del cielo notturno durante l’estate scorsa e delle indagini ufologiche condotte dal 2013 ad oggi.
Relatore: Alessio Colotti, fondatore della S.U.E.T.;  ;

ore 10,25 Relazione della S.U.E.T. (Sezione Ufologica Esoterica Tarquiniense), sugli avvistamenti locali negli ultimi settant’anni, dal titolo:
“Tarquinia: terra d’avvistamenti.”.
Relatori: Alessio Colotti, Organizzatore Unico del Convegno; Giovanni Colotti, Membro e Storico del C.U.N. Tarquinia;

ore 11,00 Relazione di Massimo Stefani, dal titolo: “Etruschi e sfere di luce: la religione etrusca e lo scopo dell’Uomo nell’universo.”
Relatore: Pittore, Scultore, Scrittore, Fondatore del Movimento Arcaista;

ore 11,15, Relazione di Franco Grigiotti, dal titolo: “L’al di qua e l’ al di là: i due mondi si toccano”
Relatore: Franco Grigiotti;.

ore 11,45 Relazione di Anna Federighi, dal titolo: “Il programma SOS Terra
Relatore: Anna Federighi, contattista telepatica cosmica;

ore 12,30 Relazione del dott. Fabrizio Albani, dal titolo: “C’è vita nel Sistema Solare? Marte, Europa, Titano, Encelado”.
Relatore: Dott. Fabrizio Albani, astrofisico, divulgatore, fondatore del C.S.A., Centro Studi Astronomici;

ore 13,00 Pausa pranzo.
Durante l’intervallo,  saranno proiettati filmati e fotografie di repertorio ufologico.

Ore 15,00 Riapertura dei lavori

*** ***

Introduce la seconda sessione il dott. Fabrizio Albani

Premio letterario “Tuchulcha, 2a edizione: divulgazione della classifica votata dalla giuria popolare, con contestuale motivazione e proclamazione del vincitore;

ore 15,15 Relazione della dott.ssa Teresa Barbatelli, dal titolo: “Psicologia e U.F.O.”.
Relatore: dott.ssa Teresa Barbatelli, psicologa, vincitrice della prima edizione del premio letterario “Tuchulcha”;

ore 16,15 Relazione di Marie Noëlle Urech, dal titolo: “Il cielo in terra: dalle nostre origini al futuro dell’umanità”
Relatore: astrologa evolutiva;

ore 17,15 Relazione di Anna Federighi, dal titolo “Illustrazione pratica dell’apparecchio indicato da Leonardo da Vinci al servizio del ripristino frequenziale delle Sinapsi operative”
Relatore: Anna Federighi, contattista telepatica cosmica;

ore 18,15 pausa caffè

*** ***

Introduce la terza sessione la dott.ssa Marie Noëlle Urech

ore 18,20 Relazione del dott. Cosimo Bagnulo, dal titolo: “Vaccini iniettabili: l’arma segreta di chi ha come obiettivo la depopolazione della razza umana dal pianeta Terra”.
Relatore: dott. Cosimo Bagnulo, medico, master Reiki, omeopata;

ore 19,20 Relazione di Sandro Ciambella, dal titolo: “La terra cava”. Relatore: Sig. Sandro Ciambella, del Gruppo “Astrofili TAU” di Tarquinia;

ore 20,00 Chiusura della giornata congressuale ed arrivederci all’edizione del 2018.

Sarà costantemente presente in Sala un tavolo con riviste, dvd e libri sull’argomento ufologico
Sarà favorita una garbata interlocuzione coll’uditorio.
Sarà costantemente presente Subway Web Radio di Viterbo, con una diretta ed interviste e commenti, durante l’arco dell’intera giornata.