Microstati e Micronazioni nel panorama internazionale

0

Le micronazioni costituiscono nel panorama internazionale un vero e proprio  fenomeno sociale e anche di tipo  mediatico dal richiamo assai rilevante, anche per lo sviluppo delle nuove tecnologie di comunicazione.

Si tratta in realtà di “iniziative” assolutamente estranee al  diritto internazionale , e dunque non beneficiarie  di alcun tipo di  riconoscimento da parte dei membri della comunità internazionale: Stati e Organizzazioni internazionali.

Tra le più note si annoverano  Christiania, fondata nel 1971 nel Distretto di Copenaghen, con leggi particolari inerenti l’uso delle droghe; ancora il Regno di Talossa, fondato dal quattordicenne statunitense  Robert Ben Madison nel 1979, a causa di una disputa sulla “politica interna” e sull’immigrazione. Nel 1996, il “fondatore” creò un sito internet mediante il quale  chiunque poteva richiedere la “cittadinanza” del Regno, indipendentemente dai suoi legami con la comunità territoriale.

Le  micronazioni  hanno come unico fine, apparente, quello di affermarsi come veri e propri Stati sovrani:  alcuni “paesi” sono frutto  di anomalie storiche o ancora di eccentriche  interpretazioni normative. Si tratta di  piccoli Stati ubicati  in territori spesso contesi o con ristrettissima estensione territoriale; tali realtà vengono ignorate o a volte tollerate  dai membri  effettivi della comunità internazionale, poiché il riconoscimento potrebbe condurre al fenomeno della secessione: si pensi ad esempio alla Catalogna.

Tra gli aspiranti Stati figurano: il Comune-Principato di Seborga, in base alla presunta non annessione con documenti ufficiali. Il Comune di Seborga, in Italia, è ritenuto da alcuni suoi abitanti un principato indipendente, in base a notizie risalenti al Medioevo ed all’Età Moderna. Rispetta in ogni caso tutte le leggi italiane, ivi compreso il pagamento delle imposte e tasse, non che la partecipazione al voto.
Ancora, il Regno di Redonda
, un’isola disabitata di circa 3 km² del gruppo delle Leeward nelle Indie Occidentali, fu per breve tempo indipendente. Oggi l’isola appartiene allo stato di Antigua e Barbuda.

Il Regno di Tavolara: isola della costa nord-est della Sardegna, che nel 1836 sarebbe stato riconosciuto come Regno autonomo dal re  Carlo Alberto di Savoia; “di fatto” fu incluso nel territorio del Regno d’Italia, all’atto della proclamazione di quest’ultimo, il 17 marzo 1861.

Categoria diversa è quella dei  microstati, ovvero  di quei  soggetti giuridici (personalità giuridiche) del diritto internazionale caratterizzati da un’ esigua estensione territoriale, e conseguentemente da uno sparuto numero  di abitanti.

Al momento, sono annoverati tra i microstati  ben venticinque realtà territoriali con estensione inferiore ai  2.000 km² . Tra questi ricordiamo le  Seychelles, San Marino, lo  Stato della Città del   Vaticano, il Principato del  Liechtenstein, o ancora São Tomé e Príncipe,   Antigua e Barbuda, le Isole Marshall,  Saint Kitts e Nevis, solo per citarne alcuni dai nomi curiosi ed esotici.

Nell’ambito delle soggettività di diritto internazionale, fenomeno giuridicamente  e storicamente interessante, è  certamente  il  Sovrano Militare Ordine di Malta ( SMOM ),  Ordine di natura cavalleresco-religiosa,  canonicamente dipendente dalla Santa Sede, con finalità  di assistenza e missioni di carattere umanitario a livello internazionale.

Parte della dottrina e della giurisprudenza italiana ed anche la quasi totalità  della Comunità internazionale attribuisce allo SMOM natura di  soggetto di diritto internazionale, pur essendo ormai privo della territorialità. Originariamente, era conosciuto come Ordine dei Cavalieri Ospitalieri, fondato intorno al  1048 e reso sovrano il 15 febbraio 1113 da Papa Pasquale II. Dal 1834  la  sede dell’Ordine è a  Roma.

L’Ordine costituisce  un ente sovrano e, in base al riconoscimento dello Stato Italiano, ha  sede  nel  Palazzo Magistrale  e  nella villa di Santa Maria del Priorato, sull’Aventino,  che godono del cd. status  di extraterritorialità”. Al Gran Maestro, capo dell’Ordine sovrano spetta il titolo di Altezza Eminentissima mentre  la Chiesa Cattolica gli attribuisce il rango di Cardinale.

Nel panorama internazionale esiste anche una singolare forma di governo rappresentata dalla    necrocrazia,  dal greco antico necro (νεκρός) = morto e kratos (κράτος) letteralmente “forza”, per estinzione del  “governo”. La necrocrazia è un regime politico, un governo, che opera ancora secondo le regole di un ex leader morto.

Ne è un  esempio la Repubblica Popolare Democratica Coreana, comunemente nota come  “Corea del Nord”, che rappresenta l’unico caso di necrocrazia, poiché è governata dalla costituzione scritta dal defunto  leader,  Kim Il Sung, riconosciuto  come Presidente Eterno,  e dunque formalmente ancora Capo dello Stato;  il figlio  Kim Jong-Il, succedutogli fino alla morte, era solo “Caro Leader”, infine  l’attuale capo supremo della Corea del Nord attualmente in carica,  Kim Jong Un, riveste oggi il ruolo di Guida Suprema della Repubblica Popolare Democratica di Corea .

Tra le forme giuridiche singolari nel diritto internazionale non possiamo tralasciare la celebre   City of London, universalmente nota come la City per eccellenza: il borgo di Londra che occupa la porzione più antica dell’agglomerato urbano.  La Corporation è caratterizzata da un  sistema di governo particolare: nelle elezioni municipali della Corporation vige ancora – e rappresenta una parte sempre maggiore dell’elettorato – il  voto non residenziale (non-residential vote), che nel resto del paese è stato abolito nel 1969: si tratta del diritto di voto riconosciuto, oltre che alle persone fisiche residenti, a chi esercita un’attività commerciale nella City, ivi comprese le organizzazioni come gli istituti bancari e le  società finanziarie; tali società  “esprimono” il loro diritto di voto attraverso persone fisiche designate in base alla quantità di lavoratori impiegati.

Nel continente  europeo, vi sono inoltre delle peculiari forme di governo che hanno resistito nei secoli fino ai nostri giorni: i Baliati

Tali istituzioni sopravvivono ancora oggi dal   XII secolo. Ricordiamo il  Baliato di Jersey , Bailiwick of Jersey, composto  geograficamente dall’isola di Jersey e dai gruppi di isole Minquiers e Écréhous. Altro “baliato” è quello di   Guernsey, che comprende le isole di GuernseySarkAlderneyBrecqhouHermJethou e Lihou. Ciascun Baliato dell’arcipelago è guidato da un Balivo. Questi territori sono legati da rapporto di  dipendenza alla Corona britannica, pur non essendo appartenenti al territorio del  Regno Unito. Entrambi i baliati riconoscono come Capo di  Stato  de iure  il sovrano del Regno Unito, attraverso un proprio  delegato.

Concludiamo questo breve excursus internazionale con una considerazione finale che viene   spesso sottaciuta e che  caratterizza il nostro Paese  rispetto a tutti gli altri membri della comunità internazionale:  l’Italia è l’unico paese al mondo che contiene tre  Stati enclavi sovrani : la Santa Sede, la Repubblica di San Marino ed il Sovrano Militare Ordine di Malta.

About Author

avvocato che esercita la professione forense a Roma, ha conseguito anche la laurea in Scienze Politiche ed un Master in Studi Diplomatici. Già relatore in alcuni convegni è studioso del Diritto Comunitario.

Comments are closed.