I Fondamenti dell’astrologia

0

Abstract

L’uomo moderno vive in una condizione d’ignoranza profonda ed al momento invincibile, almeno sino a quando non accoglierà nel suo cuore l’umiltà necessaria per dedicarsi allo studio della “saggezza antica”.

La scienza ufficiale respinge ogni “ipotesi” che non possa essere compresa secondo l’ordine delle “leggi materiali”, dell’esperimento di laboratorio, cadendo in un’insanabile contraddizione poiché essa stessa afferma che la gran parte della materia costitutiva dell’universo è  sconosciuta, “oscura”.

Non diversamente  nel campo della medicina ufficiale, la quale si premunisce di respingere e di definire infondata la cosiddetta “medicina naturale” che trova le sue basi in un’antica saggezza mai accolta e realmente studiata o analizzata; cosa che in ragione dei moderni mezzi di ricerca potrebbe trovare ampie chiarificazioni e lumi.

Allo stesso modo nel campo della filosofia, disciplina che pretende di osservare la “verità” senza riuscire a concepirne neppure l’ombra nella maggioranza dei casi osservabili, fatta l’eccezione di qualche “luce” che è stata attentamente  oscurata dal pensiero corrente e dominante.

Da tale infausta condizione d’insopprimibile ignoranza deriva ogni sorta di male, fisico e morale: l’”impero del relativismo etico” è la causa di gravi disordini  nelle legislazioni degli Stati, nella convivenza civile e nell’organizzazione dei sistemi educativi, con l’effetto di manifestare una società caratterizzata da profonde lacerazioni e sofferenze apparentemente insanabili.

L’Astrologia  segue la medesima sorte.

Essa, per certi versi, è stata trasformata in un mezzo di commercio a scopo di profitto, atto di vero e moderno “paganesimo” da parte di alcuni, con lo scopo di utilizzarla come  tecnica predittiva dei destini individuali, al pari di quella esercitata da maghi e cartomanti, offendendo i suoi presupposti scientifici e la luce di verità in essa contenuta.

Per altri aspetti, è additata dai cosiddetti intellettuali come una manifestazione dell’antico fatalismo umano, frutto di una società ignorante e cieca alla vera conoscenza.

La realtà delle cose è ben diversa.

La saggezza antica ha da sempre insegnato che l’Astrologia è l’unica vera scienza, intimamente connessa alla matematica ed alla stessa “numerologia”, mentre l’Astronomia ne rappresenta “un capitolo”.

Potrà mai il moderno studioso concepire tale concetto?

Noi crediamo che, cio’ non ostante, sono presenti nella società dell’oggi un certo numero di uomini dallo sviluppo interiore  tale da poter collocare la propria “coscienza” a livello della vera “mente astratta” e del “mondo delle idee”, secondo l’assioma platonico;  questi individui e studiosi del reale sono nella condizione di comprendere ed analizzare i fondamenti della saggezza antica e, dunque, quelli dell’Astrologia.

E’ per questi esseri umani  che abbiamo elaborato questo breve e conciso “paper”.

Parole Chiavi: saggezza antica; vita; coscienza; spirito-materia; teoria ilozoistica; energia; campi di forza; relazioni astrali.

About Author

Ha conseguito il dottorato di ricerca alla Harvard University, in filosofia della letteratura e dell’arte. Professor di filosofia morale all’università di Nuova Delhi, studia e ricerca sulle tematiche più attuali della letteratura e dell’arte moderna, evidenziandone i contenuti ed i nessi con la vita interiore ed esterna dell’umanità dell’oggi.

Comments are closed.