Le sfide finanziarie che le aziende devono affrontare oggi

0

Nelle moderne  Economie il ciclo del valore e della produzione del  reddito si determina in virtù dell’uso della moneta quale regolatore degli scambi, di natura economica(beni e servizi) e finanziaria(attivi e titoli).    I processi produttivi si caratterizzano per una marcata divisione del lavoro e per l’ampia offerta di beni di natura immateriale; ne deriva l’insopprimibile necessità di distribuire  la ricchezza incrementale per mezzo del denaro, unità di conto e misura del valore nonché mezzo di circolazione dello stesso. E’ chiaro quindi  che i processi di consumo per potersi realizzare necessitano della formazione di adeguati stock monetari  in rapporto al livello dei prezzi; così per le produzioni presso le imprese, che manifestano l’esigenza di anticipare i costi di acquisizione dei fattori della produzione(merci-lavoro-impianti-attrezzature e macchinari)  nonché quelli di conduzione ed organizzazione dei processi.  Nasce in tal modo  in  capo alle aziende di produzione un fabbisogno di capitali  che impone il suo anticipato pareggio, mediante l’apporto di risorse monetarie  a titolo di proprietà e di debito(vincolo finanziario).   Dunque,  nessun progetto d’impresa può realizzarsi  senza la preventiva soddisfazione del vincolo finanziario.

Il problema è molto sentito nell’ambito delle micro-imprese ed in genere delle aziende di piccole dimensioni;   i fatti si dispongono in guisa ostativa in ragione della situazione generale di penuria dei capitali in capo ad una larga quota della popolazione dei Paesi, anche di quelli ad Economia avanzata, per l’insufficiente dimensionamento dei redditi da lavoro mediamente conseguiti.  Per cui, gli accumuli di risparmio  si manifestano presso una quota ristretta di individui  i quali si trovano in una condizione di duplice privilegio:  da una parte, in ragione dell’alto tenore di vita e della ricchezza posseduta, dall’altra, per il vantaggio di poter avviare iniziative imprenditoriali  in connessione alla disponibilità delle risorse  necessarie.

In tali situazioni  di contesto,  assai diffuse, la “differenza” può derivare dall’attività delle banche commerciali, caratterizzate per la loro  ampia presenza  territoriale e per la raccolta del  micro-risparmio  nella forma dei depositi.  Nel senso che l’intermediario bancario, in ragione della tipicità del proprio profilo operativo, si pone nella condizione di poter mobilizzare una quota delle risorse nazionali, diversamente indisponibile per il finanziamento dello sviluppo del Prodotto, per via della scarsa consistenza dei singoli depositi e per l’avversione al rischio manifestata dai possessori.  I soggetti dotati  di talenti personali  e di capacità creativo-imprenditoriali possono  così  essere sostenuti  nell’avvio di micro-attività ma non per questo non produttrici di reddito, per il vantaggio degli individui che impiegano in tali iniziative la propria forza lavoro, con diffusione del benessere economico.  Ed invero, normalmente  i soggetti non appartenenti alle classi economicamente agiate  sono sprovvisti dei capitali sufficienti, determinandosi una penalizzazione dell’Economia nel suo complesso poiché i talenti e le risorse presenti nella società non vengono utilizzate ed adeguatamente valorizzate, con svantaggio della Nazione.  E’ altresì chiaro che risulta mortificato il tanto osannato  principio della democrazia economica, base della libera economia di mercato.

Dunque, le banche di deposito(commerciali)  dovrebbero assumere l’onere di  saper adeguatamente “valutare” la bontà dei progetti aziendali,  presentati al vaglio da individui che si propongono come piccoli imprenditori, pronti ad investire le risorse finanziarie accumulate ma insufficienti  per la risoluzione del vincolo finanziario.  Si tratterebbe altresì di fornire un supporto alla stessa attività creativa del potenziale imprenditore, a volte sprovvisto della preparazione professionale necessaria per lo sviluppo di un budget correttamente impostato  e  dal quale risulti un piano economico-finanziario credibile  e  che dimostri la fattibilità del progetto.  In tali circostanze  il rischio economico-generale, consistente nella probabilità che i costi anticipati non  trovino pareggio nel valore dei ricavi per vendita dei prodotti con evidenza di utili, assume un connotato di razionale ponderazione incoraggiando l’impiego del capitale poiché le possibilità di successo dell’iniziativa si mostrano  consistenti.   D’altra parte, in Economia non si rende possibile la produzione del valore e quindi  la crescita e  lo sviluppo senza l’assunzione di rischio nelle imprese, gli unici organismi capaci di generare  nuovo valore incrementale.

Diventa quindi essenziale porre le premesse nel sistema dell’intermediazione finanziaria  per  sostenere l’avvio delle micro-iniziative commerciali, rendendo disponibili  le risorse necessarie per il superamento del vincolo finanziario ed il conseguente pareggio del fabbisogno di capitale; e ciò è presupposto irrinunciabile per l’effettiva concretizzazione di una vera democrazia economica e di una libera economia di mercato. Tali  auspicabili situazioni di contesto  rendono onore al principio delle pari opportunità  per ogni cittadino, sulla base del criterio meritocratico e della valorizzazione dei talenti personali.

Ma le moderne banche tradiscono tali orientamenti democratici nell’organizzazione dei propri processi operativi, sempre più orientati verso attività di finanza  a fini speculativi sui mercati mobiliari, o alla vendita di prodotti e strumenti finanziari presso gli sportelli, spesso non confezionati  in casa, allo scopo di lucrare consistenti ricavi da commissioni  piuttosto che di aver cura di soddisfare le reali esigenze dei clienti. In verità, con il tempo, le strutture manageriali  delle banche hanno elaborato convincimenti gestionali che trascurano di considerare la centralità della tradizionale funzione creditizia, fondata principalmente sull’erogazione di prestiti alle imprese minori ed alle famiglie; si ritiene a torto che tale attività sia portatrice di rischi crescenti ed oneri di gestione considerevoli, mentre appare vantaggioso il lucro di utili derivanti dalle differenze di prezzo sui  titoli negoziati sui mercati ufficiali.  In realtà tale operatività incrementa la rischiosità complessiva della gestione, poiché le oscillazioni  dei corsi si mostrano accentuate nel breve periodo ed apparentemente non motivate da atteggiamenti di razionalità economica, piuttosto invece esse sono il risultato di azioni di tipo speculativo della concorrenza e degli operatori in posizioni di dominio; per cui ai profitti dell’oggi seguono le perdite del domani,  ed a volte in misura maggiore.  A tali deprecabili orientamenti  gestionali si aggiunge  la consuetudine della valutazione dei meriti creditizi dei richiedenti i prestiti per mezzo di tecniche di “scoring”, basate sull’utilizzo di dati quantitativi spesso soggetti a sensibili asimmetrie  informative svantaggiose per la banca, trascurando di valutare i cosiddetti fattori immateriali  causa del valore e riferibili principalmente ai talenti ed alle capacità delle risorse umane impiegate nei processi. Ne risultano  giudizi spesso non in linea con la reale natura e qualità delle produzioni  condotte presso le imprese, con duplice danno:  da una parte, per il rifiuto di concedere il prestito ad iniziative meritevoli;  dall’altra, per l’incremento dei rischi  mediamente assunti dall’intermediario,  finanziando soggetti non caratterizzati da adeguata capacità creditizia.  Tale deprecabile situazione si aggrava in ragione della prassi  consolidata  della richiesta di garanzie collaterali di tipo patrimoniale, che si accompagna  nella norma  all’esito di una istruttoria di fido;   con il risultato che anche le iniziative giudicate meritevoli  non trovano il necessario sostegno finanziario perché sprovviste di beni  da concedere in garanzia, nel chiaro dispregio del principio di democrazia economica e di ottima allocazione delle risorse nel sistema delle produzioni.  Ne risulta una grave penalizzazione  per l’Economia della Nazione e per la diffusione del benessere tra le classi della popolazione meno agiate.

About Author

Ha concluso il terzo anno di dottorato di ricerca in economia presso l’Università di Chieti (IT). E’ già autore di tre pubblicazioni scientifiche in forma di Paper in Finance and Banking.

Leave A Reply