Come i club calcistici possono utilizzare le capacità dell’intelligenza professionale per ottenere un vantaggio competitivo

0

Come i club calcistici possono utilizzare le capacità d’intelligence professionale per ottenere un vantaggio competitivo.

Il calcio attira miliardi di tifosi e spettatori in tutto il mondo. La finale della Coppa del Mondo, che si svolge ogni quattro anni, è uno degli eventi televisivi più seguiti.  Ronaldo e Messi sono entrambi considerati come dei “dei viventi”, e Maradona è un “modello” di riferimento per molti bambini di diverse generazioni. Questo gioco è pieno di passione e spesso aggressività. L’emozione di sentirsi tra la folla, ascoltarne il rumore assordante e volteggiare la bandiera della propria squadra è elettrizzante.

L’industria calcistica ha un  enorme volume d’affari. Ogni grande club impiega centinaia o addirittura migliaia di persone e lavora con innumerevoli fornitori. I giocatori vengono sostituiti ogni anno ed i club sono costantemente alla ricerca di centinaia di giovani talenti anche in luoghi remoti. Le squadre viaggiano settimanalmente ed accolgono migliaia di spettatori ad ogni partita “giocata in casa”. Giocatori, allenatori, personale amministrativo, pubbliche relazioni e marketing, sicurezza, reclutamento, personale medico e psicologi lavorano tutti per rendere il club il più efficiente possibile.

Tutte queste attività di routine sono una grande responsabilità e rappresentano obblighi  importanti. Quando le somme di denaro sono ingenti e l’esposizione è elevata, anche un piccolo errore può causare perdite finanziarie sostanziali, danni alla reputazione del club o, in casi estremi, perdite di vite umane.

I team leader adottano competenze uniche e tecnologie innovative

La domanda da porsi è la seguente: cosa fanno  i club per proteggere i loro beni e le loro risorse non che migliorare le proprie  prestazioni commerciali? Ogni club principale impiega un CSO (Chief Security Officer) o risk manager, professionisti del reclutamento e analisti di primo piano.  Nella norma tali figure professionali sono le migliori del settore. Alcune società calcistiche utilizzano anche occasionalmente strumenti e metodologie di business intelligence.

Ma in un mondo altamente competitivo, con una tale diversità di responsabilità e minacce, un club calcistico ha bisogno delle proprie capacità di intelligence professionale.  I club hanno bisogno di accedere in tempo reale a tutte le competenze professionali pertinenti e alle tecnologie più innovative disponibili.

Una mentalità creativa ed un approccio intelligente e adattabile potrebbero fornire ai club vantaggi sensibili rispetto ai loro concorrenti. Ecco alcuni esempi:

Controllo dei propri investimenti

I club spendono milioni di euro ogni stagione per sostituire i giocatori della loro squadra ed attirare giovani di talento nelle proprie formazioni  giovanili. Per operazioni così importanti, le società devono controllare attentamente il loro investimento: giovani giocatori maturi e di talento. L’uso di grandi tecnologie nell’elaborazione di dati, analisti con capacità avanzate ed uniche in termini d’intelligenza umana permetteranno  l’accesso diretto alle informazioni nascoste riferite ad ogni possibile giocatore.

Informazioni correlate:

  • Attitudini alla violenza
  • Presenza di disturbi mentali
  • Coinvolgimento in tentativi di truffa
  • Tendenza all’alcolismo
  • Instabilità emotiva e caratteriale
  • Presenza di una storia lavorativa non impeccabile
  • Presenza di disturbi della salute
  • Precedenti giudiziari
  • Tendenza alla tossicodipendenza
  • Tendenza al gioco d’azzardo
  • Episodi di cattiva condotta sessuale
  • Altro.

Questi dati ed informazioni devono essere valutati prima che un club metta a rischio il proprio denaro e la propria reputazione al momento dell’assunzione.

Controllo degli hooligan

Lo stesso tipo di tecnologia e capacità potrebbe essere utilizzato per seguire e monitorare in anticipo le attività degli hooligan. Sistemi speciali, telecamere intelligenti e algoritmi avanzati consentono di monitorare in tempo reale la violenza all’interno e nei dintorni degli stadi durante una partita, mentre gli individui  responsabili vengono registrati per ulteriore attività di sorveglianza e raccolte prove. Questi sistemi possono essere utilizzati anche per inviare squadre di risposta immediata, capaci di affrontare situazioni di violenza in tempo reale.

L’integrazione di tecnologie avanzate di riconoscimento facciale e di motori di ricerca su dati dei social media permette al sistema di concentrarsi sui tifosi che denunciano speciali problemi ai cancelli dello stadio. In questo modo, il comportamento degli hooligan è monitorato ed i tempi di attesa alle porte sono notevolmente più brevi per i tifosi.

Il monitoraggio dei social media in tempo reale e l’utilizzo di  tecnologie integrate in grado di eliminare automaticamente i riferimenti problematici attraverso un controllo costante è un’altra legittima azione, estremamente accurata ed “open source” in grado di classificare ed individuare possibili anomalie comportamentali da parte dei tifosi,  catturare gli stati d’animo e guidare di conseguenza le attività di prevenzione di azioni violente da parte del management del club e delle autorità competenti.

Conoscenza dell’avversario

Vincere una partita nei grandi campionati comporta una preparazione mentale e l’uso di strumenti psicologici. Una nuovissima attività intelligente, definita “due diligence psicologica”, utilizza le metodologie di “profiling” in uso della polizia  nella stessa arena sportiva. I club possono analizzare la personalità dell’allenatore della squadra avversaria, il suo modo di pensare, le sue motivazioni e i suoi punti di rottura caratteriali, per meglio prepararsi alla sfida di una partita ed utilizzare strumenti psicologici per il proprio vantaggio. Queste tecnologie sono già utilizzate dai capi di Stato nei negoziati con i leader di altri paesi. Possono quindi essere anche utilizzate dai club calcistici per vincere partite importanti.

Neutralizzazione dello spionaggio commerciale

Lo spionaggio commerciale è fiorente e i club calcistici non sono diversi da altre organizzazioni commerciali,  per ciò che concerne la sicurezza delle loro attività. In un tale contesto competitivo, è naturale che i club ricerchino un vantaggio relativo rispetto ai propri concorrenti. La maggior parte delle azioni finalizzate a tali obiettivi assicurano il rispetto di un profilo di legittimità,  ma in alcune circostanze possono essere attraversate le cosiddette “linee rosse”. È essenziale monitorare i tentativi di “bracconaggio” e neutralizzare ogni possibile penetrazione dei propri dati finanziari, delle intenzioni commerciali e dei dati di natura personale delle personalità di rilievo del club. Esperti di “intelligence professionale”  sono preparati per analizzare la situazione dal punto di vista dell’aggressore e migliorare di conseguenza i sistemi di protezione del club.

Ciò rappresenta per così dire solo la punta dell’iceberg. In un’epoca di crescenti minacce, di concorrenza agguerrita, di nuove normative (ad es. GDPR) e di requisiti assicurativi, ogni grande azienda – soprattutto in un settore di così alto profilo – necessita di una “lente d’ingrandimento”  professionale e di una precisa direzione di marcia.

About Author

Esperto di alto livello in sicurezza e intelligence, ha una vasta esperienza in un gran numero di paesi in tutto il mondo. Nel corso della sua lunga carriera presso l'Ufficio del Primo Ministro israeliano e il Ministero degli Affari Esteri, ha acquisito competenze essenziali in molti settori e discipline riguardanti la prospettiva degli aggressori, l'individuazione delle minacce, la prevenzione e la ritorsione. Di fronte a sfide estreme sulla scena internazionale, ha sviluppato il concetto di Four Dimensions, un approccio multidisciplinare e integrativo per identificare, affrontare e risolvere le minacce nascoste e le vulnerabilità critiche di un'organizzazione.

Comments are closed.